Rock'n Yolk presenta Paninaro S.Babila '84

Venerd́, 18 ottobre 2013

Rock'n Yolk

Faris è andato, quella chioma black e dannata già è in viaggio verso Londra, ci ha salutato con queste parole: "Guys it was very cool !!! ". Se lo skinny boy degli Horrors si è divertito così tanto il merito è soprattutto vostro che gli avete trasmesso carica positiva e vibrazioni punk!
Ora però è il momento di guardare avanti e catapultarci in una nuova sottocultura! Torniamo indietro di trent' anni e sbarchiamo in quel di P.zza San Babila dove aitanti milanesi diedero vita a questo movimento tutto moda, musica e spensieratezza.
Tra pomeriggi passati nel bar "Al Panino" in via Agnello, pezzi dei Pet Shop Boys, gergo personalizzato, grandi cucador, e la maniacale attenzione per le griffe, vi faremo assaporare lo spirito di quegl anni!

PANINARO S.BABILA '84
Quando innovazioni elettroniche, innesti di chitarre e miscele di drum machine britanniche incontrano negli anni '60, '70 e ’80 il Pop e il Rock, esplode ritmato e carico il Synth Pop! Non appena il sintetizzatore diventa popolare, il genere si insinua tra le comitive griffate della Milano metropolitana, dove le squinzie si mostravano – con il loro solito fare snob - ogni sabato al Burghy. I Paninari di San Babila erano percorsi da quel brivido chiamato adrenalina che ti fa sentire “forever young”, sono invincibili; i loro idoli si scatenano nei video musicali e nei film statunitensi, regalando loro il divertimento incontrollato che regnava nelle discoteche degli anni ’80. Giacconi Moncler e camicie a quadri Naj-Oleari, Timberland ai piedi e felpone Best Company: erano questi i super eroi che sfrecciavano nella nebbia, a bordo di Gilera sulle note di Wild Boys!

VICIOUS CLUB
Via Achille Grandi 7a - Roma
info@viciousclub.com